Lorenzio D'Amelio - Il futuro è di chi lo fa
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Il futuro è di chi lo fa

Ai tempi del #CoronaVirus penso ci sia una domanda che può risuonare ancora più forte in ogni cittadino, non solo in ogni professionista, ed è «Qual è il tuo “why”?». A cosa intendi dedicare capacità e tempo? “Ciascuno cresce solo se sognato” risponderebbe Danilo Dolci, sociologo e poeta, pensando a ciò che ognuno può diventare. Così nasce il mio blog o meglio ri-nasce, dopo essere “sbarcato” nel mondo digitale circa 13 anni fa, era infatti necessario un restyling!

Questo spazio vuole quindi essere un luogo dove raccontarmi, ma soprattutto dove poter contribuire allo sviluppo delle intuizioni che sognatori ed innovatori intendono trasformare in realtà. Costruendo imprese speciali, vivendo avventure uniche. Il mio percorso professionale è stato fin da subito concentrato sulle storie e sull’empowerment delle relazioni, partendo prima da consulente e come Co-Founder poi della New Media Agency BTREES, concentrata proprio su servizi di Social Media Marketing.

Dopo 5 anni dalla fondazione e alcune soddisfazioni ottenute (clienti quali: Adecco, Banca Sella, Fini, Menabrea, Centro Europeo di Formazione, Roadhouse, ecc.), mi piace pensare di poter condividere l’esperienza della collaborazione con oltre 200 aziende anche con altre Startup, in particolare quelle a Social Impact (vedi “UN Sustainable Development Goals“). Perché vorrei mettere le mie competenze a disposizione di coloro che intendono cambiare in meglio il mondo condividendo degli strumenti utili (Business Model Canvas, Go To Market Strategy, Crowdfunding, ecc.) appresi lungo un percorso abbastanza dinamico, nei cui ultimi 3 anni ho aggiunto l’iniziativa Startup Africa Roadtrip, di cui sono Co-Founder, per formare giovani imprenditori dell’East Africa. Per curiosità e passione, donando al progetto non profit circa il 10% del mio tempo dell’anno.

Così, in questo momento così delicato per l’Italia (e non solo), è arrivato il mio ri-posizionamento professionale come Digital Strategist & Business Advisor, grazie alla collaborazione con fantastici professionisti: la creatività da Designer di Xavier Claro, la competenza di Web Development di Gisella Gallenca e il contributo da Fotografo di Matteo Zin e da Video-Maker di Giulio Pedretti. Così ha preso vita anche il mio brand, dentro il cui logo ci sono colori naturali, perché considero che la Circular Economy sia la priorità assoluta per il nostro pianeta. Ciò che punto ad offrire quindi è permettere un’evoluzione naturale del business valorizzando il presente delle imprese e guardando agli orizzonti futuri. Con capacità di analisi e pensiero laterale. Il logo intende esprimere questa direzione: c’è chi ci può vedere una montagna, chi un’isola, chi un pezzo del gioco tangram. Geometrie semplici possono offrire complessità di interpretazione (come per gli origami), senza essere necessariamente complicati. Voi cosa ci vedete? 🙂

Se lasciate spazio all’immaginazione, la vostra impresa ne guadagnerà di fantasia. Ma per farlo bisogna guardare avanti, al domani, così come al perché. Mi affido allora alle parole del fondatore di Apple Steve Jobs per concludere questo pensiero: “You can’t connect the dots looking forward; you can only connect them looking backwards. So you have to trust that the dots will somehow connect in your future. You have to trust in something: your gut, destiny, life, karma, whatever. This approach has never let me down, and it has made all the difference in my life”.

L’Italia intanto resta in emergenza sanitaria, ma al contempo fioriscono iniziative solidali: così voglio inaugurare il restyling del mio sito aderendo all’iniziativa di “Solidarietà Digitale” del Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione offrendo 1 ora di consulenza gratis in video-call a Freelance, Startup e PMI partendo da coloro che più ne hanno bisogno per organizzarsi al meglio e far ri-partire il business. Potete prenotarvi scrivendomi al form contatti!

Credits: il titolo del post è ispirato dal libro omonimo di Dario Paladini e da una bellissima frase trovata alla fiera “Fa la cosa giusta” di qualche anno fa.

Ti potrebbe anche interessare...