Forse abbiamo sbagliato ad abbandonare il calamaio, magari in fondo è una moda che torna. Dovremmo cominciare ad allontanarci da mouse e tastiere per ri-allinearci coi tempi. Nel consiglio comunale di martedì il sindaco Gentile ha bocciato (19 voti contrari, 14 favorevoli, 0 astenuti) la mozione presentata dal consigliere Pietrobon per dotare alcuni punti di Biella di un accesso Wi-Fi gratuito.

L’assessore alle manifestazioni Gaggino ha dato due motivazioni. La prima: “la legge (quale?!, ndr) non consente completamente un accesso gratuito ad internet”. La seconda: “stiamo già lavorando in questo senso”, delegando però il primo passo alla Provincia. La terza è arriva per bocca dello stesso sindaco, al quale non andava giù che il luogo dove installare i punti di accesso fossero scelti insieme alla cittadinanza.

E dire che pure il programma della giunta Gentile avrebbe dovuto apprezzare l’accesso libero alla Rete. Forse però ci siamo illusi che il nostro fosse un Paese per giovani. Bè ci si può sbagliare, ma ora almeno non piangiamo sulle errate valutazioni. Portiamoci avanti. Su, andiamo, tirate fuori le macchine da scrivere!