cyborgdrummer

Umiltà e ambizione danno vita al talento e portano al successo. Da tempo continuiamo a ricevere sempre più vere e proprie lezioni di vita da parte di alcuni campioni sportivi, ho quindi piacere nel condividere alcuni pensieri a proposito ed in particolare 5 riflessioni.

Pochi giorni fa ho incontrato Nicole Orlando (atleta plurimedagliata) e mia concittadina alla quale mi son da tempo messo a disposizione per darle un supporto con la mia Social Media Agency. Ai primi di ottobre 2016 uscirà un suo libro che sicuramente sarà di ispirazione per molti atleti e non.

Se è vero che sono tanti gli scalini che incontriamo lungo la nostra vita, sono almeno altrettanto le occasioni per imparare qualcosa di nuovo. Mi piace dire che “Gli ostacoli sono opportunità”.

La prima cosa da imparare forse sarebbe in effetti quella di amarsi di più puntando ad essere di ispirazione per gli altri. Nel momento in cui ci poniamo in questa situazione diventa nostra intenzione far sì di incidere positivamente verso chi ci circonda e penso che ciò sia meraviglioso in quanto facilita il proprio cambiamento in meglio.

Da qua, condivido perciò sinceramente 5 ispirazioni che sto ricevendo dagli atleti paralimpici:
1. Il sogno come missione. Si può raggiungere. Nico Valsesia, atleta piemontese, dice “La fatica non esiste”. A me piace dire: “L’orizzonte che scegli determina i tuoi passi”. E ciò vale a livello sia umano che professionale;

2. La resilienza come atteggiamento. Quando Jason Barnes ha perso l’uso della sua mano destra, ha continuao a suonare la batteria superando con la passione il proprio dolore. Ora è un Cyborg Drummer (forse l’unico, o quasi!). E sicuramente non esiste resilienza senza un buon allenamento dell’intelligenza emotiva;

3. La gioia è ad ogni passo. Penso all’impegno di atleti come Bebe Vio e a parole come quelle dell’imprenditrice Bel Pesce: “The only way to really achieve all your dreams is to full enjoy every steps of your journey” che non posso che condividere pienamente;

4. Sii di ispirazione per gli altri. Be your own example, impariamo da Alex Zanardi: “Quando mi sono risvegliato senza gambe ho guardato la metà che era rimasta, non la metà che era andata persa”. Accettare i propri limiti non significa non continuare a sfidare a sè stessi. Tante sono le anime che hanno contribuito a rendermi ciò che sono, se si viene ispirati è un piacere poi impegnarsi a condividere e promuovere questa tipologia di atteggiamento;

5. La gratitudine è la via della felicità. Potrei ripetermi, ma è troppo importante e non posso far altro che ricordarlo ogni tanto a me e a chi mi legge. Essere dinamici ed ottimisti dopotutto produce endorfine, lo conferma la stessa scienza;

Lo sport fa stare meglio chi lo pratica, ma anche e soprattutto tutti coloro che frequentiamo. È insomma un benessere positivo e circolare!